vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Mission e storia

Il Centro Interdipartimentale di Ricerche sul Cancro (CIRC) è stato realizzato nel 1984 dal Prof. Giorgio Prodi, cancerologo della Università di Bologna. Gli Istituti che hanno aderito in fase costitutiva sono stati, oltre all'Istituto di Cancerologia (Prof. Giorgio Prodi), gli Istituti di Radioterapia (Prof. Lucio Babini), Ematologia (Prof. Sante Tura), Anatomia Patologica (Prof Antonio Maria Mancini), Ortopedia (Prof. Mario Campanacci) e Pediatria-Oncologia Pediatrica (Prof. Guido Paolucci).

L'idea del Prof. Giorgio Prodi era quella di creare sinergie nello sviluppo di piani di ricerca in campo di oncologia preclinica e clinica di tutti gli istituti aderenti al CIRC.
Dopo la prematura scomparsa del Professore, avvenuta nel 1987, il CIRC, a cui venne dato il suo nome, è stato diretto dai professori Guido Paolucci, Antonio Maria Mancini e Pierluigi Lollini. Attualmente è diretto dal Prof. Guido Biasco, Oncologo Medico della Università di Bologna.

Il CIRC ha mantenuto negli anni la sua fisionomia iniziale di collettore degli interessi scientifici nella ricerca sul cancro e nello stesso tempo è stato attivo promotore di raccolta di risorse economiche per il sostegno alla ricerca. Questa funzione è stata resa possibile dal contributo di eredità (in particolare Vannini e Borghi), di Fondazioni (CARISBO, "Righi", Del Monte), del MIUR, del Ministero della Salute, dell'Ateneo di Bologna, della Associazione per la Ricerca sul Cancro (AIRC) che hanno finanziato progetti strategici ed hanno consentito di sostenere con Assegni di Ricerca e con altre forme di supporto finanziario, giovani ricercatori.

Oggi fondi arrivano anche da contratti di collaborazione alla ricerca da parte di aziende farmaceutiche o di gruppi di ricerca oncologica internazionali.
Il CIRC si colloca ai vertici della classifica scientifica e finanziaria tra tutti i Dipartimenti e i Centri Interdipartimentali della Università di Bologna.